I NUMERI/ “L’aiutino” della sharing economy per l’occupazione

In Italia diminuisce la disoccupazione giovanile, come il numero di inattivi. Forse, spiega GIUSEPPE SABELLA, anche la sharing economy è servita a raggiungere questo risultato

Buone notizie dall’Istituto nazionale di statistica che, nella sua rilevazione periodica sull’occupazione riferita al mese di settembre, ci dice che pur salendo lievemente il tasso di disoccupazione generale (11,7%, in aumento di 0,2 punti rispetto al mese precedente), si registra una diminuzione della stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,9%, pari a -127.000). Il tasso di inattività scende al 34,8%, il minimo storico dal 1977, ovvero data d’inizio delle serie, e si evidenzia un crollo nel loro numero su base annua (-508.000). Il tasso di disoccupazione giovanile cala di 1,2 punti rispetto al mese precedente, attestandosi al 37,1%. Ciò che è significativo di questi dati è l’aumento della popolazione attiva, ovvero di chi esce dallo stato di inattività; anche a questo è dovuto il seppur lieve aumento della disoccupazione. Forse che la crescita della sharing economy abbia qualche incidenza in questo senso? Non deve sorprendere che l’Italia sia leader in Europa per capacità di condivisione, ciò è nella nostra cultura. Certo che la forte crescita della sharing economy è di grande auspicio, perché si tratta di un segmento destinato a incrementare il nostro Pil. Mai come negli ultimi mesi nel nostro Paese abbiamo imparato a creare valore semplicemente condividendo online beni e servizi, al punto che siamo tra i primi tre Paesi in termini di utenti e conoscitori, dietro la Turchia e la Spagna, guarda caso due paesi mediterranei dove, come nel nostro, c’è una cultura sociale diversa dai paesi nordici e/o del centro Europa.
Si tratta di un giro d’affari che nel 2015 è stato pari a 3,5 miliardi di euro, ma che tra dieci anni potrebbe valerne 14 e nella migliore delle ipotesi superare i 25. Uno studio importante sull’impatto e sulle prospettive della sharing economy nel contesto italiano viene dall’Università di Pavia, che ha effettuato una ricerca specifica commissionata da PHD Italia, parte del network globale PHD Media.

Dai trasporti alla ristorazione, dai servizi immobiliari a quelli professionali, fino alle attività finanziarie e assicurative, sono tanti i servizi e le piattaforme più popolari che incidono sul successo quotidiano del concetto “condividere e guadagnare”: si va da “ScambioCasa” e “AirBnB”, “HRH”i portali che permettono di scambiare la propria casa con quella di un altro utente o di affittare camere e appartamenti ai turisti, fino a “BlaBlaCar” per condividere viaggi e passaggi in auto oppure ai servizi di “BikeMI” e “Car2Go” per prendere in prestito bici o auto e pagarne l’effettivo utilizzo. E poi, per quanto meno conosciuta, c’è “Home restaurant Hotel”, la piattaforma che con il social eating e SHARING Room offre la possibilità di organizzare pranzi e cene e/o affittare una stanza in casa o in altre location.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...